Flock è un browser (basato su Firefox, dunque molto simile ad esso) pensato appositamente per il social networking (quindi per Twitter, Facebook, eccetera): è strutturato proprio per potere navigare nei servizi sociali che più utilizziamo in modo semplice ed immediato, oltre che per tenere sempre sott’occhio gli aggiornamenti degli stati dei nostri contatti. Lo screenshot che segue vi darà subito l’idea.

flock

Per installarlo facilmente ci vengono in aiuto i ragazzi di GetDeb: basta infatti recarsi su questa pagina e scaricare il pacchetto precompilato. Per installarlo basterà un doppio click. Flock vi chiederà anche se desiderate importare segnalibri e preferenze da Firefox.

Ora, se andate, ad esempio, su Facebook, noterete che qualcosa non funziona, come i video. Questo perché manca un plugin, ovvero Flash. Ma niente paura: per installarlo basterà andare nel Terminale e dare questo comando.

sudo ln -s /usr/lib/mozilla/plugins/* /usr/share/flock/plugins

In pratica non facciamo altro che creare dei collegamenti al plugin che abbiamo già installato per Firefox. Riavviamo Flock e godiamoci le sue funzionalità alla massima potenza! 🙂

Oggi ho scoperto Dropbox. Si tratta di un servizio di storage e condivisione file che permette di trasferire i propri documenti, immagini e quant’altro in una cartella “virtuale”, accessibile da qualunque altro computer (previo inserimento della password). Per una presentazione più accurata, vi rimando da .mau., che mi ha fatto scoprire questo servizio.

Dropbox è disponibile per Windows, Mac e Linux, quindi sarà possibile trasferire facilmente i propri file, per esempio, dal pc di casa a quello dell’ufficio, senza usare dischi o chiavi USB.

Ma c’è un ma: su Kubuntu non funziona. Dropbox, infatti, utilizza Nautilus, che non è tanto facile a usarsi su KDE. Infatti dopo l’installazione con il pacchetto .deb messo a disposizione sul sito non sono riuscito a farlo funzionare.

Dopo qualche smanettamento ho trovato un metodo per installarlo anche sul mio Kubuntu:

  1. Scarica i binari di Dropbox da questo indirizzo (attenzione alla versione);
  2. Scompatta i file nella cartella ~/.dropbox-dist
  3. Per avviare Dropbox, aprite il terminale e date il comando
    ~/.dropbox-dist/dropboxd

A quel punto si aprirà l’interfaccia grafica: la prima volta dovrete inserire email e password per iscrivervi al servizio. Una volta terminata l’operazione si aprirà la vostra cartella Dropbox, dove potrete cominciare a salvare i vostri file. Accanto all’orologio, in basso a destra, apparirà l’icona dello scatolone azzurro di Dropbox.

Ogni volta che vorrete utilizzare il programma, non dovrete far altro che dare il comando di cui al punto 3 nel terminale. Se invece volete che Dropbox si avvii all’accensione del computer, date il seguente comando (sempre nel terminale):

ln -s ~/.dropbox.dist/dropboxd ~/.kde/Autostart/dropboxd

WICD è certamente fra le migliori alternative a [K]NetworkManager, ovvero il gestore delle connessioni via cavo o wireless predefinito per [K]ubuntu, l’indispensabile programma per connettersi alla rete via router.

Tuttavia, uno dei problemi che mi capita di affrontare ogni volta che installo Kubuntu su un computer è quello di installare WICD quando non abbiamo una connessione diretta a internet, in altre parole se il nostro pc, per un motivo o per un altro, non riesce a connettersi alla rete.

NetworkManager ha infatti grossi difetti: è difficile da configurare e poco intuitivo, soprattutto se usiamo IP statici. Questo ci lascia, nella maggior parte dei casi, senza connessione a internet. WICD, inoltre, rispetto a NetworkManager, risulta molto più facile da configurare e gestisce meglio sia gli IP statici che la cifratura WPA (il che ci rende molto più sicuri).

In questo articolo, quindi, vedremo come installare questo programma con e senza una connessione diretta ad internet.

Cominciamo dal caso (più interessante) in cui non abbiamo l’accesso alla rete. Abbiamo bisogno di farci “prestare” un pc connesso a internet.

Il sito ufficiale segnala che non ci sono dipendenze insoddisfatte per i sistemi GNOME (come Ubuntu, appunto), e dovrebbe quindi essere sufficiente scaricare WICD da questo indirizzo

Se invece usiamo Kubuntu (come il sottoscritto), invece, c’è bisogno di installare anche altri pacchetti dai quali WICD dipende. Questi pacchetti necessari (in ordine di installazione) sono:

  • libglade2-0
  • python-cairo
  • python-numeric
  • python-glade2
  • python-gtk2

Questi pacchetti .deb possono essere scaricati da questo sito. Non inserisco i link diretti non per pigrizia, quanto perché le versioni dei pacchetti diventano presto obsolete.

Una volta scaricati questi pacchetti e trasferiti sul nostro pc, essi possono essere facilmente installati facendo doppio click su di essi. L’ordine in cui vanno installati dovrebbe essere quello precedente, ma poiché vado a memoria non garantisco l’esattezza. In ogni caso, il sistema vi avviserà con una bella scritta rossa (e voi magari avviserete me dell’errore, così da correggere il tutorial).

Prima di installare WICD, però, sarà necessario rimuovere NetworkManager, con il seguente comando:

sudo apt-get remove network-manager

Una volta fatte tutte queste operazioni (sembra difficile, ma in realtà non lo è), troveremo WICD fra le applicazioni internet. In alternativa possiamo avviarlo premendo Alt+F2 e inserendo il comando:

wicd-client

Ubuntu caricherà WICD all’avvio in modo automatico. Se, invece, il nostro Kubuntu non fa lo stesso, basterà aprire il terminale e dare il seguente comando:

kdesu kate ~/.kde/Autostart/tray.py.desktop

Si aprirà Kate, il blocco note di Kubuntu. Inseriamo il seguente testo:

[Desktop Entry]
Comment=wicd tray
Comment[en_GB]=wicd tray
Encoding=UTF-8
Exec=wicd-client
GenericName=wicd tray
GenericName[en_GB]=wicd tray
Icon=exec
MimeType=
Name=wicd tray
Name[en_GB]=wicd tray
Path=
StartupNotify=false
Terminal=false
TerminalOptions=
Type=Application
X-DCOP-ServiceType=
X-KDE-SubstituteUID=false
X-KDE-Username=

Salviamo e chiudiamo.

Concludiamo con il caso meno interessante in cui il pc è connesso a internet. Bisogna innanzitutto aggiungere una riga ai repository. Apriamo il terminale e diamo il comando (se usate Ubuntu sostituite ‘kate’ con ‘gedit’):

sudo kate /etc/apt/source.list

Si aprirà il nostro blocco note. Aggiungiamo in fondo alla lista la seguente riga:

deb http://apt.wicd.net intrepid extras

Salviamo e chiudiamo. Poi, sempre nel terminale, diamo i comandi:

sudo apt-get update

sudo apt-get install wicd

E il gioco è fatto!