Dovete sapere che talvolta (raramente talvolta, in verità) mi diletto con vignette, strisce e fumetti, e una delle fasi della realizzazione di una tavola è il lettering, ovvero il momento in cui si aggiungono le battute e le didascalie, ovvero i dialoghi fra i personaggi.

Di solito uso il pc perché rende il lavoro meno noioso e più ordinato. Si può usare uno dei font (vedi su Wikipedia se non hai capito di cosa stiamo parlando) già presenti nel nostro photo editor (ad esempio The GIMP), sul nostro sistema operativo o scaricarne uno di nuovi. Ma visto che sono un tipo esigente vorrei che le mie opere abbiano la mia calligrafia senza però perdere i pregi del lettering digitale, quindi ho creato un tipo di carattere che imita il mio stile di scrittura.

Ovviamente l’utilità di tutto questo non si limita al lettering dei fumetti: potrete utilizzare questo font anche in un word processor, in una presentazione e altra roba da ufficio (e quindi potrete utilizzarlo per creare PDF) e in futuro, quando si sarà diffuso il CSS3, anche creare pagine web con il vostro font personalizzato.

Ora bando alle ciance. Non utilizzeremo un programma, bensì un servizio web gratuito che si chiama FontCapture. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno, oltre al pc e a internet, ovviamente è una stampante, una penna (meglio un pennarello fine) e uno scanner. I passi sono semplicissimi (non spaventatevi per la lunghezza, sono io che spiego passo passo ogni passaggio):

  1. Andiamo su questa pagina, scarichiamo il PDF cliccando su Download font template e stampiamolo, infine clicchiamo su Step 2 (non chiudete la pagina);
  2. Il foglio appena stampato si presenta come una griglia: in ogni casella va scritta una lettera. Cercate di lasciare un certo margine e seguite le guide, che sono dei piccoli trattini (tre) ai lati di ogni casella: quello di mezzo indica la linea immaginaria su cui la lettera si appoggia (avete presente i quaderni a righe? Ecco, quelle righe lì); quella di sotto indica dove finiscono alcune lettere minuscole (ad esempio la stanghetta della p o il ghirigoro della g); quella in alto, invece, è il limite superiore delle lettere: solitamente le lettere maiuscole e alcune minuscole (come la l) si sviluppano fino a quell’altezza;
  3. Completate la griglia con tutti i caratteri necessari con una penna o, meglio, un pennarello a punta fine, quindi tornate sul sito e cliccate su Step 3;
  4. Scannerizzate la griglia completata scegliendo una risoluzione di almeno 200 DPI (di default gli scanner dovrebbero lavorare a 300 DPI, ma controllate per essere sicuri);
  5. Salvate il vostro lavoro in PNG (se non è possibile, cosa in cui onestamente non credo a meno che non abbiate un pc a carbone primo Novecento, salvate in JPG): ricordate DOVE lo avete salvato, meglio sulla Scrivania;
  6. Tornate sul sito web: noterete un form con tre campi. Nel primo (Font name) scriverete il nome che volete dare al font (avete presente i vari Arial, Times New Roman e gli altri che avete sicuramente visto se avete usato un word processor? Quello è il nome del font); nel secondo scriverete il vostro nome o nickname; nel terzo dovete inserire il percorso dove si trova il PNG. Cliccate su Sfoglia o Browse: dovrebbe aprirsi un’altra finestra. Portatevi nella cartella dove avete salvato il PNG (nel mio caso Scrivania), cliccate sul vostro PNG e quindi su Apri; tornati nella pagina web cliccate su Submit;
  7. Vi ritroverete in una nuova pagina. Cliccate su Download the font e si aprirà una finestra di dialogo, dove dovrete cliccare su Salva (come sempre fate attenzione al percorso dove salvate il file). Nel mio caso, come sempre, lo salverò su Scrivania.

Abbiamo il nostro font, adesso dobbiamo installarlo, il che si traduce, semplicemente, nello spostarlo in una certa cartella. Apriamo il nostro terminale e diamo questo comando (ipotizzo che il file si chiami Font.ttf, modificate adeguatamente il comando con il nome del vostro font):

cp ~/Scrivania/Font.ttf ~/.fonts

Quindi aggiorniamo il sistema dando il comando:

sudo fc-cache -f -v

Dopo qualche attimo saremo pronti a utilizzare il nostro font personalizzato.

Se invece utilizzate Windows, copiate il file Font.ttf nella cartella C:/Windows/Fonts (io però vi consiglio di cambiare sistema operativo). Non avendo mai usato un Mac, non ho la più pallida idea di come si faccia da quelle parti.

Ovviamente non dovete necessariamente usare un alfabeto latino: io ne ho creato uno in un codice inventato da me con le lettere che sono praticamente dei geroglifici (no, non scrivo così male 😛 ).

VoipStunt, per chi non lo sapesse, è un software VoIP che consente di telefonare via internet verso tutto il mondo a prezzi davvero imbattibili. In pratica, uno Skype con prezzi ancora inferiori.

Come ho già scritto altrove, «grazie a VoIPStunt, infatti, basta una ricarica da 10 euro e posso telefonare a tutti i numeri fissi d’Italia gratuitamente per 120 giorni (e lo stesso vale per altri 30 Paesi, mentre le tariffe sono vantaggiosissime anche per altri Paesi). Terminati i 120 giorni di chiamate gratuite, si può rifare una ricarica per avere altri 120 giorni gratis, oppure chiamare a un centesimo al minuto (IVA inclusa, mi sembra – il che significa comunque altri mille minuti, 17 ore, di telefonate). Insomma, con dieci euro possiamo chiamare per 120 giorni e 17 ore: meraviglie del VoIP

La registrazione su VoipStunt dà diritto anche all’invio di SMS a prezzi stracciati, la possibilità di usare il proprio telefonino anche per le telefonate internazionali e anche la possibilità di utilizzare i telefoni VoIP.

Il problema è che VoipStunt non ha (ancora) una versione per sistemi Linux e Mac. Come possiamo quindi usare le meraviglie di questo programma sul nostro sistema operativo?

La risposta è Ekiga e le operazioni da fare sono le seguenti.

Innanzitutto, se non lo abbiamo ancora fatto, installiamo Ekiga (per Debian e derivati come Ubuntu):

sudo apt-get install ekiga

Dopodiché lo apriamo (per Kubuntu, lo trovate in Menu K → Internet → Ekiga). Ci dovremmo trovare di fronte la seguente finestra:

Se si apre la configurazione guidata, chiudetela pure. Aprite il menu Modifica e cliccate su Preferenze. Si aprirà una nuova finestra, e sulla sinistra troverete una lista che ci permetterà di personalizzare Ekiga per farlo funzionare come VoipStunt.

In questa lista sulla sinistra cerchiamo Protocolli e clicchiamo su Impostazioni di rete.

Bisogna modificare le Impostazioni NAT. Come Metodo di attraversamento NAT indichiamo:

Nessuno

mentre come Server STUN indichiamo:

stun.softjoys.com:3478

Quindi applichiamo le modifiche cliccando su Applica. Nella lista a sinistra clicchiamo adesso su Impostazioni SIP.

Come Proxy outbound inseriamo:

sip.voipstunt.com:5060

mentre come URL per l’inoltro inseriamo:

sip.voipstunt.com

Alla voce Inviare DTMF come scegliamo;

RFC2833

Lasciamo tutto il resto invariato e usciamo. Ritorniamo nella finestra principale, clicchiamo ancora su Modifica, ma stavolta scegliamo Account. Si aprirà una nuova finestra.

Clicchiamo su Aggiungi e se ne aprirà una terza.

Inseriamo come Nome account:

voipstunt

come Registrante:

sip.voipstunt.com

Il nome utente e la password, ovviamente, sono quelle che avete usato per registrarvi su VoipStunt.

Clicchiamo adesso su Opzioni aggiuntive. Come nome di accesso inserite il vostro nome utente, mentre come Tempo limite di registrazione inserite:

3600

Clicchiamo su OK. Ci ritroviamo adesso di nuovo nella finestra Account, ma stavolta non è vuota, c’è una voce, quella che abbiamo appena creato.

Per registrarci basta cliccare sulla spunta (il quadratino a sinistra della parola “voipstunt”) e aspettare qualche secondo. Se tutto andrà bene, alla voce Stato, a destra, potremo leggere Registrato. Chiudiamo questa finestra e siamo pronti per utilizzare VoipStunt.

Ritorniamo quindi nella finestra principale ed effettuiamo la nostra prima chiamata. Per farlo basta inserire la seguente stringa nello spazio sotto la barra dei menu (al posto degli asterischi vanno i numeri di telefono, comprensivo del prefisso internazionale):

sip:*****************@sip.voipstunt.com:5060

Facciamo un esempio più chiaro: vogliamo chiamare il nostro amico Tizio, che abita in Italia. Il suo numero di telefono è 0123456789. Il prefisso internazionale dell’Italia è +39, quindi la nostra stringa per chiamare tizio sarà:

sip:+390123456789@sip.voipstunt.com:5060


Clicchiamo sul pulsante a sinistra (quello con la spina, per intenderci) e dopo un po’ sentiremo il familiare “TUUUU” del telefono.

Spero che anche questa guida vi sia di aiuto. 😉