VoipStunt, per chi non lo sapesse, è un software VoIP che consente di telefonare via internet verso tutto il mondo a prezzi davvero imbattibili. In pratica, uno Skype con prezzi ancora inferiori.

Come ho già scritto altrove, «grazie a VoIPStunt, infatti, basta una ricarica da 10 euro e posso telefonare a tutti i numeri fissi d’Italia gratuitamente per 120 giorni (e lo stesso vale per altri 30 Paesi, mentre le tariffe sono vantaggiosissime anche per altri Paesi). Terminati i 120 giorni di chiamate gratuite, si può rifare una ricarica per avere altri 120 giorni gratis, oppure chiamare a un centesimo al minuto (IVA inclusa, mi sembra – il che significa comunque altri mille minuti, 17 ore, di telefonate). Insomma, con dieci euro possiamo chiamare per 120 giorni e 17 ore: meraviglie del VoIP

La registrazione su VoipStunt dà diritto anche all’invio di SMS a prezzi stracciati, la possibilità di usare il proprio telefonino anche per le telefonate internazionali e anche la possibilità di utilizzare i telefoni VoIP.

Il problema è che VoipStunt non ha (ancora) una versione per sistemi Linux e Mac. Come possiamo quindi usare le meraviglie di questo programma sul nostro sistema operativo?

La risposta è Ekiga e le operazioni da fare sono le seguenti.

Innanzitutto, se non lo abbiamo ancora fatto, installiamo Ekiga (per Debian e derivati come Ubuntu):

sudo apt-get install ekiga

Dopodiché lo apriamo (per Kubuntu, lo trovate in Menu K → Internet → Ekiga). Ci dovremmo trovare di fronte la seguente finestra:

Se si apre la configurazione guidata, chiudetela pure. Aprite il menu Modifica e cliccate su Preferenze. Si aprirà una nuova finestra, e sulla sinistra troverete una lista che ci permetterà di personalizzare Ekiga per farlo funzionare come VoipStunt.

In questa lista sulla sinistra cerchiamo Protocolli e clicchiamo su Impostazioni di rete.

Bisogna modificare le Impostazioni NAT. Come Metodo di attraversamento NAT indichiamo:

Nessuno

mentre come Server STUN indichiamo:

stun.softjoys.com:3478

Quindi applichiamo le modifiche cliccando su Applica. Nella lista a sinistra clicchiamo adesso su Impostazioni SIP.

Come Proxy outbound inseriamo:

sip.voipstunt.com:5060

mentre come URL per l’inoltro inseriamo:

sip.voipstunt.com

Alla voce Inviare DTMF come scegliamo;

RFC2833

Lasciamo tutto il resto invariato e usciamo. Ritorniamo nella finestra principale, clicchiamo ancora su Modifica, ma stavolta scegliamo Account. Si aprirà una nuova finestra.

Clicchiamo su Aggiungi e se ne aprirà una terza.

Inseriamo come Nome account:

voipstunt

come Registrante:

sip.voipstunt.com

Il nome utente e la password, ovviamente, sono quelle che avete usato per registrarvi su VoipStunt.

Clicchiamo adesso su Opzioni aggiuntive. Come nome di accesso inserite il vostro nome utente, mentre come Tempo limite di registrazione inserite:

3600

Clicchiamo su OK. Ci ritroviamo adesso di nuovo nella finestra Account, ma stavolta non è vuota, c’è una voce, quella che abbiamo appena creato.

Per registrarci basta cliccare sulla spunta (il quadratino a sinistra della parola “voipstunt”) e aspettare qualche secondo. Se tutto andrà bene, alla voce Stato, a destra, potremo leggere Registrato. Chiudiamo questa finestra e siamo pronti per utilizzare VoipStunt.

Ritorniamo quindi nella finestra principale ed effettuiamo la nostra prima chiamata. Per farlo basta inserire la seguente stringa nello spazio sotto la barra dei menu (al posto degli asterischi vanno i numeri di telefono, comprensivo del prefisso internazionale):

sip:*****************@sip.voipstunt.com:5060

Facciamo un esempio più chiaro: vogliamo chiamare il nostro amico Tizio, che abita in Italia. Il suo numero di telefono è 0123456789. Il prefisso internazionale dell’Italia è +39, quindi la nostra stringa per chiamare tizio sarà:

sip:+390123456789@sip.voipstunt.com:5060


Clicchiamo sul pulsante a sinistra (quello con la spina, per intenderci) e dopo un po’ sentiremo il familiare “TUUUU” del telefono.

Spero che anche questa guida vi sia di aiuto. 😉

Fra i moltissimi giochi che il mondo open offre, merita una particolare menzione SuperTuxKart.

Si tratta di un gioco automobilistico, o meglio, di kart: dobbiamo guidare vari personaggi attraverso molte piste e gran premi, con un unico obiettivo, vincere con qualunque mezzo (poi capirete perché).

Pur essendo “ancora” alla versione 0.5, questo gioco rivela una maturità che definire impressionante è riduttivo. Come potete vedere negli screenshot al termine di questo articolo, il gioco offre una grafica stupenda e ben curata, ma anche molto fantasiosa. Guidare le auto è semplicissimo (la manovrabilità delle auto raggiunge livelli molto alti) e a possibilità di lanciare missili o bombe contro le altre auto rende il gioco molto avvincente, anche perché, pure dopo esplosioni e voli in aria, il nostro kart è pronto a ritornare in pista.

Al momento il gioco offre undici personaggi (fra cui Tux, la mascotte del kernel Linux, o Wilber, la mascotte di The GIMP), diciassette piste di varia lunghezza e quattro modalità di gioco: Gran Premio (che in realtà è un campionato come quello di Formula Uno), Corsa veloce (su una sola pista), Cronometro (una sola pista senza avversari) e Insegui il kart (una simpatica variante, il cui obiettivo è arrivare…secondi!). Ovviamente è disponibile la modalità multiplayer.

Se dopo averlo provato ne rimarrete entusiasti, tenetevi forte: come vi ho già detto SuperTuxKart è arrivato appena alla versione 0.5, e molte nuove feature sono fra gli obiettivi degli sviluppatori (fra le più gustose, aumentare l’autenticità delle corse, aggiungendo attriti in base al terreno su cui si corre, e la modalità per giocare online).

SuperTuxKart 0.5 è disponibile per Linux, ma anche per Windows e Mac. Per quanto riguarda le distro Linux, tuttavia, c’è da dire che non è ancora presente in tutti i repository (che riportano ancora la versione 0.4), quindi inserisco di seguito le istruzioni per installarlo.

Innanzitutto, scaricate i due pacchetti necessari: per le architetture a 32 bit

per le architetture a 64 bit

Quindi aprire il Terminale e digitare, spostarsi nella cartella dove avete scaricato i due pacchetti e digitare

sudo dpkg -i supertux*.deb

L’installazione potrebbe essere interrotta a causa di dipendenze rotte (nel mio caso: libalut0, libopenal0a e plib1.8.4c2). Ho sistemato tutto dando il comando:

sudo apt-get install -f

Al termine dell’installazione troverete SuperTuxKart fra i giochi (in Ubuntu, Applicazioni → Giochi, in Kubuntu Menu K → Giochi).

Non dimenticate che dovete avere abilitata l’accelerazione 3D e la distro deve essere aggiornata.

E ora alcuni screenshot!

Bello, eh? 🙂 Se serve una mano, non esitate a chiedere 😉