Flock è un browser (basato su Firefox, dunque molto simile ad esso) pensato appositamente per il social networking (quindi per Twitter, Facebook, eccetera): è strutturato proprio per potere navigare nei servizi sociali che più utilizziamo in modo semplice ed immediato, oltre che per tenere sempre sott’occhio gli aggiornamenti degli stati dei nostri contatti. Lo screenshot che segue vi darà subito l’idea.

flock

Per installarlo facilmente ci vengono in aiuto i ragazzi di GetDeb: basta infatti recarsi su questa pagina e scaricare il pacchetto precompilato. Per installarlo basterà un doppio click. Flock vi chiederà anche se desiderate importare segnalibri e preferenze da Firefox.

Ora, se andate, ad esempio, su Facebook, noterete che qualcosa non funziona, come i video. Questo perché manca un plugin, ovvero Flash. Ma niente paura: per installarlo basterà andare nel Terminale e dare questo comando.

sudo ln -s /usr/lib/mozilla/plugins/* /usr/share/flock/plugins

In pratica non facciamo altro che creare dei collegamenti al plugin che abbiamo già installato per Firefox. Riavviamo Flock e godiamoci le sue funzionalità alla massima potenza! 🙂

Oggi ho scoperto Dropbox. Si tratta di un servizio di storage e condivisione file che permette di trasferire i propri documenti, immagini e quant’altro in una cartella “virtuale”, accessibile da qualunque altro computer (previo inserimento della password). Per una presentazione più accurata, vi rimando da .mau., che mi ha fatto scoprire questo servizio.

Dropbox è disponibile per Windows, Mac e Linux, quindi sarà possibile trasferire facilmente i propri file, per esempio, dal pc di casa a quello dell’ufficio, senza usare dischi o chiavi USB.

Ma c’è un ma: su Kubuntu non funziona. Dropbox, infatti, utilizza Nautilus, che non è tanto facile a usarsi su KDE. Infatti dopo l’installazione con il pacchetto .deb messo a disposizione sul sito non sono riuscito a farlo funzionare.

Dopo qualche smanettamento ho trovato un metodo per installarlo anche sul mio Kubuntu:

  1. Scarica i binari di Dropbox da questo indirizzo (attenzione alla versione);
  2. Scompatta i file nella cartella ~/.dropbox-dist
  3. Per avviare Dropbox, aprite il terminale e date il comando
    ~/.dropbox-dist/dropboxd

A quel punto si aprirà l’interfaccia grafica: la prima volta dovrete inserire email e password per iscrivervi al servizio. Una volta terminata l’operazione si aprirà la vostra cartella Dropbox, dove potrete cominciare a salvare i vostri file. Accanto all’orologio, in basso a destra, apparirà l’icona dello scatolone azzurro di Dropbox.

Ogni volta che vorrete utilizzare il programma, non dovrete far altro che dare il comando di cui al punto 3 nel terminale. Se invece volete che Dropbox si avvii all’accensione del computer, date il seguente comando (sempre nel terminale):

ln -s ~/.dropbox.dist/dropboxd ~/.kde/Autostart/dropboxd

SopCast è un popolare programma che serve per visualizzare flussi audio e video condivisi tramite il sistema del P2P. Insomma, è una televisione P2P. Disclaimer: non so per cosa vogliate usarlo, ma attenzione a non usarlo in modo illegale, ovvero per infrangere il diritto d’autore e cose simili.  Io vi ho avvisati.

SopCast è multipiattaforma, quindi comprende anche Linux; le istruzioni presenti sul sito internet ufficiale, però, sono una gran rottura di scatole.

Innanzitutto, io consiglio di aggiungere i repo di Medibuntu per soddisfare eventuali requisiti di VLC, attraverso i seguenti comandi da dare nel terminale:

sudo wget http://www.medibuntu.org/sources.list.d/intrepid.list --output-document=/etc/apt/sources.list.d/medibuntu.list

Il seguente comando serve per l’autenticazione:

sudo apt-get update && sudo apt-get install medibuntu-keyring && sudo apt-get update

Adesso passiamo all’installazione di SopCast: andiamo su questo sito e scarichiamo i pacchetti che ci interessano (sono nella colonna di destra). Sono due e sono sp-auth_3.0.1 e sopcast-player_0.2.0. Attenzione a scegliere quello giusto per la nostra architettura (nella maggior parte dei casi è i386).

Una volta scaricati, basterà cliccarvi su due volte per installarli (prima sp-auth, poi sopcast-player).

Finito! Facile, no?

Per avviarlo, qui su Kubuntu, basta cercare fra le applicazioni Internet del menu K (la sua icona è una televisione con schermo azzurro con le antenne come quella de i Simpson).

Adesso dobbiamo dire a Firefox di aprire i link sop (quelli delle trasmissioni): nella barra degli indirizzi scriviamo

about:config

e clicchiamo (o premiamo il tasto) Invio. Quindi diciamo a Firefox che faremo attenzione, quindi clicchiamo con il tasto destro del mouse nella pagina. Selezioniamo Nuovo e poi Stringa. Come nome della stringa diamo:

network.protocol-handler.app.sop

E clicchiamo su Ok. Dopodiché come valore della stringa inseriamo:

/usr/bin/sopcast-player.py

Adesso basterà cliccare sul link sop nel nostro browser per vedere il nostro programma su SopCast.

Se non funziona, copiamo l’indirizzo sop, andiamo su SopCast, clicchiamo su File, poi su Apri e incolliamo il nostro indirizzo.

problema-orologioQuando ho aggiunto la data al mio orologio di Kubuntu, ho notato ciò che vedete nell’immagine qui sopra: parte della data viene nascosta.

Non ho una soluzione definitiva, ma almeno una pezza. Basta cliccare con il tasto destro del mouse sull’orologio e quindi selezionare “Impostazioni di Orologio digitale”. Nella finestra che si aprirà, basterà cliccare su OK.

Adesso l’orologio dovrebbe essere a posto. Purtroppo ad ogni riavvio bisognerà ripetere l’operazione.

Microsoft Word 5.5 su DOSBox

Microsoft Word 5.5 su DOSBox

DOSBox è uno dei tanti emulatori liberi disponibili per Linux. Il suo scopo è simulare alla perfezione un ambiente MS-DOS. In genere viene usato dagli appassionati di retrogame per avviare videogiochi datati come Wolfenstein 3D (1992), ma anche per fare un divertente tuffo nel passato, sfruttando i programmi nascosti nei nostri floppy.

Ad esempio, è possibile sfruttare le sue potenzialità per avviare programmi un po’ più complessi, come ad esempio un word processor interamente testuale. Parlo appunto di Word 5.5, il famoso editor di testi della Microsoft, adesso disponibile gratuitamente, in lingua inglese, a questo indirizzo.

Per installare DOSBox su ambiente Ubuntu o Debian basta semplicemente installare il pacchetto dosbox tramite apt-get, aptitude o Synaptic.

Avviarlo è semplice, ma sprecherò qualche parola sul suo utilizzo (per maggiori informazioni basta digitare INTRO o HELP nella schermata del programma). All’avvio il sistema si avvierà nel disco Z:, contenente i file necessari per DOSBox. I comandi sono identici a quelli del DOS 7 (come cd o dir). Una funzione particolare è il “mount”. La sintassi per usare una cartella di Linux come drive è:

mount [DRIVE] [CARTELLA]

Un esempio può essere “mount C /home/utente/drive_c/” o semplicemente “mount C ~utente/drive_c/“.

Prima di tutto montiamo la cartella in cui è stato salvato l’eseguibile, che nell’esempio si chiamerà Download, nel disco D:

mount D ~utente/Download/

Per verificare entriamo nel drive D (digitando “D:“) e verifichiamo che il file sia presente (nell’esempio ho inserito il nome del disco nel prompt, come avviene in DOSBox):

Z:\> D:
D:\> dir

In questa cartella bisogna adesso digitare il nome dell’eseguibile, nel nostro caso WD55_BEN.EXE (il nome del file non è case-sensitive). L’eseguibile scompatterà una serie di file nella cartella, ogni tanto chiedendo se sovrascrivere o no determinati file (potete dare sempre y o sempre n, il risultato sarà identico).

Una volta finito il processo nella cartella sarà presente un file SETUP.EXE. Avviate anche questo da DOSBox come nel caso precedente. Adesso inizia la vera e propria installazione. Verificate prima di aver montato un drive C (o altra lettera a vostro piacimento) diverso da D e da Z.

Premete Invio un paio di volte e il programma vi chiederà dove installare Word. Selezionate “Set up hard disk” e successivamente “Install a new version of Word”. Scegliete il drive (se avete usato le lettere C, D e Z, verrà automaticamente evidenziata la prima voce) e la cartella d’installazione (default: WORD).

Dopo di che rispondete alle domande sulla nazione e sul tipo di tastiera. Alle domande sul display, sul mouse e sull’aggiornamento del file di sistema potete premere semplicemente invio. Copierà qualche file in più ma almeno avrete la certezza che funzioni.

Potete anche installare dei driver per la stampante: personalmente non li ho provati, ma consiglio di usare altri sistemi per salvare i file generati da Word :D. È presente inoltre un correttore ortografico e un dizionario sinonimi-contrari.

Se pensate di avere problemi ad apprendere l’uso di questo particolare word processor installate anche le “Learning Word lessons”. Alla fine chiederà se volete configurare Word. Potete benissimo selezionare la seconda opzione perché le domande poste sono oramai obsolete (ad esempio vi chiede di installare o meno una nuova funzionalità non presente in Word 5.0; seguiranno semplici test del monitor).

Alla fine apparirà la schermata “Microsoft Word has been successfully installed”. Una volta premuto invio tornerà al prompt, direttamente nella cartella in cui avete installato il software. Digitate WORD.EXE per godere il frutto della vostra fatica ;-).

In caso di dubbi sul funzionamento rifarsi al menu del programma Help (situato in alto a destra) in cui saranno presenti, se installate, anche le lezioni.

(l’idea di questo tutorial deriva dal libro “Ubuntu Kung Fu: Tips, Tricks, Hints, and Hacks“)

WICD è certamente fra le migliori alternative a [K]NetworkManager, ovvero il gestore delle connessioni via cavo o wireless predefinito per [K]ubuntu, l’indispensabile programma per connettersi alla rete via router.

Tuttavia, uno dei problemi che mi capita di affrontare ogni volta che installo Kubuntu su un computer è quello di installare WICD quando non abbiamo una connessione diretta a internet, in altre parole se il nostro pc, per un motivo o per un altro, non riesce a connettersi alla rete.

NetworkManager ha infatti grossi difetti: è difficile da configurare e poco intuitivo, soprattutto se usiamo IP statici. Questo ci lascia, nella maggior parte dei casi, senza connessione a internet. WICD, inoltre, rispetto a NetworkManager, risulta molto più facile da configurare e gestisce meglio sia gli IP statici che la cifratura WPA (il che ci rende molto più sicuri).

In questo articolo, quindi, vedremo come installare questo programma con e senza una connessione diretta ad internet.

Cominciamo dal caso (più interessante) in cui non abbiamo l’accesso alla rete. Abbiamo bisogno di farci “prestare” un pc connesso a internet.

Il sito ufficiale segnala che non ci sono dipendenze insoddisfatte per i sistemi GNOME (come Ubuntu, appunto), e dovrebbe quindi essere sufficiente scaricare WICD da questo indirizzo

Se invece usiamo Kubuntu (come il sottoscritto), invece, c’è bisogno di installare anche altri pacchetti dai quali WICD dipende. Questi pacchetti necessari (in ordine di installazione) sono:

  • libglade2-0
  • python-cairo
  • python-numeric
  • python-glade2
  • python-gtk2

Questi pacchetti .deb possono essere scaricati da questo sito. Non inserisco i link diretti non per pigrizia, quanto perché le versioni dei pacchetti diventano presto obsolete.

Una volta scaricati questi pacchetti e trasferiti sul nostro pc, essi possono essere facilmente installati facendo doppio click su di essi. L’ordine in cui vanno installati dovrebbe essere quello precedente, ma poiché vado a memoria non garantisco l’esattezza. In ogni caso, il sistema vi avviserà con una bella scritta rossa (e voi magari avviserete me dell’errore, così da correggere il tutorial).

Prima di installare WICD, però, sarà necessario rimuovere NetworkManager, con il seguente comando:

sudo apt-get remove network-manager

Una volta fatte tutte queste operazioni (sembra difficile, ma in realtà non lo è), troveremo WICD fra le applicazioni internet. In alternativa possiamo avviarlo premendo Alt+F2 e inserendo il comando:

wicd-client

Ubuntu caricherà WICD all’avvio in modo automatico. Se, invece, il nostro Kubuntu non fa lo stesso, basterà aprire il terminale e dare il seguente comando:

kdesu kate ~/.kde/Autostart/tray.py.desktop

Si aprirà Kate, il blocco note di Kubuntu. Inseriamo il seguente testo:

[Desktop Entry]
Comment=wicd tray
Comment[en_GB]=wicd tray
Encoding=UTF-8
Exec=wicd-client
GenericName=wicd tray
GenericName[en_GB]=wicd tray
Icon=exec
MimeType=
Name=wicd tray
Name[en_GB]=wicd tray
Path=
StartupNotify=false
Terminal=false
TerminalOptions=
Type=Application
X-DCOP-ServiceType=
X-KDE-SubstituteUID=false
X-KDE-Username=

Salviamo e chiudiamo.

Concludiamo con il caso meno interessante in cui il pc è connesso a internet. Bisogna innanzitutto aggiungere una riga ai repository. Apriamo il terminale e diamo il comando (se usate Ubuntu sostituite ‘kate’ con ‘gedit’):

sudo kate /etc/apt/source.list

Si aprirà il nostro blocco note. Aggiungiamo in fondo alla lista la seguente riga:

deb http://apt.wicd.net intrepid extras

Salviamo e chiudiamo. Poi, sempre nel terminale, diamo i comandi:

sudo apt-get update

sudo apt-get install wicd

E il gioco è fatto!

Aggiornamento: WhiteWizard mi segnala che è necessario compiere anche queste operazioni per avviare il firewall all’avvio del sistema. Io non ricordo di aver fatto operazioni del genere, ma può esservi d’aiuto nel caso non sia così.

I sistemi GNU/Linux sono storicamente più sicuri di altri sistemi operativi, primo fra tutti Microsoft Windows, tanto che in molti utenti non sentono di avere necessità di dotarsi di firewall e antivirus. Se però vogliamo aggiungere un ulteriore livello di sicurezza, possiamo creare un firewall utilizzando un agile script che creerà una barriera impenetrabile a qualunque intruso. Potrà sembrare strano, ma per crearlo ci basta un semplice file di testo. Apriamo dunque Gedit o Kate o un qualunque altro blocco note. Se arrivate fino in fondo, ci sarà un regalo per voi.

Innanzitutto inseriamo la riga:

#!/bin/bash

Serve a segnalare che quel file è un programmino, dopodiché inseriamo:

IPTABLES=”/sbin/iptables”
IFLO=”lo”
IFEXT=”ppp0″

In questo modo definiamo alcune variabili che lo script utilizzerà. Modificando queste righe, infatti, potremo modificare la configurazione del nostro firewall con una sola sostituzione e non molte di più. La riga più interessante (e che dobbiamo modificare subito) è la riga IFEXT=”ppp0″. Al posto di ppp0 dobbiamo inserire l’interfaccia che stiamo utilizzando. Lo troviamo dando nel terminale il comando

ifconfig

Le più comuni sono le seguenti:

  • ppp0: per connessioni ADSL e via pccard e cellulare;
  • eth0 o eth1: per connessioni Ethernet (via cavo o wireless);
  • wlan0: per connessioni wireless.

Quindi inseriamo:

case “$1” in
start)

echo -n “Sto attivando il firewall: “

Niente di particolare, lo vedremo poi. Adesso inseriamo:

modprobe ip_tables
modprobe iptable_nat
modprobe ip_conntrack
modprobe ip_conntrack_ftp
modprobe ip_nat_ftp
modprobe ipt_LOG
modprobe ipt_MARK
modprobe ipt_MASQUERADE
modprobe ipt_REDIRECT
modprobe ipt_REJECT
modprobe ipt_TOS
modprobe ipt_limit
modprobe ipt_mac
modprobe ipt_mark
modprobe ipt_multiport
modprobe ipt_state
modprobe ipt_tos
modprobe iptable_mangle

Queste righe caricano alcuni moduli del kernel necessari (il primo, in particolare, è proprio ip_tables). Continuiamo:

$IPTABLES -F
$IPTABLES -F -t nat
$IPTABLES -F -t mangle
$IPTABLES -X
$IPTABLES -X -t nat
$IPTABLES -X -t mangle

Questi comandi resettano le impostazioni. Adesso comincia il divertimento:

$IPTABLES -P INPUT   DROP
$IPTABLES -P FORWARD DROP
$IPTABLES -P OUTPUT  ACCEPT

Queste sono le prime regole vere e proprie del nostro firewall. La prima riga blocca il traffico in entrata, la seconda blocca il traffico in transito, la terza permette il traffico in uscita. Se provassimo a utilizzare un firewall siffatto, non potremmo utilizzare internet. Sicurezza estrema, insomma, ma non credo che serva a qualcuno. Creiamo quindi delle eccezioni:

$IPTABLES -A INPUT  -i $IFLO -j ACCEPT
$IPTABLES -A OUTPUT -o $IFLO -j ACCEPT

Queste righe abilitano il traffico interno (credo che nessuno abbia paura di ciò che facciamo noi stessi, sempre che sappiamo cosa stiamo facendo).

$IPTABLES -A INPUT -p  tcp -i $IFEXT -m state -s 0/0 –state ESTABLISHED,RELATED -j ACCEPT
$IPTABLES -A INPUT -p icmp -i $IFEXT -m state -s 0/0 –state ESTABLISHED,RELATED -j ACCEPT
$IPTABLES -A INPUT -p  udp -i $IFEXT -m state -s 0/0 –state ESTABLISHED,RELATED -j ACCEPT

Questa riga è un po’ più complicata: serve a stabilire che i pacchetti di risposta a una nostra richiesta possono entrare nel nostro pc. In altre parole, permettiamo l’entrata solo ai pacchetti che abbiamo invitato. Ci serve, in particolare, per utilizzare internet.

Adesso dobbiamo decidere quali programmi lasciar passare. Farò un esempio generale, poi sarete voi a decidere. Per utilizzare un programma che si immette sulla rete dobbiamo aprirgli una porta, in modo che possa entrare e uscire. Ogni porta ha un numero che la identifica, ed è quella che ci servirà per impostare il firewall. Nel nostro esempio, utilizzerò la porta 1234:

$IPTABLES -A INPUT -p tcp –dport 1234 -j ACCEPT
$IPTABLES -A INPUT -p udp –dport 1234 -j ACCEPT

Queste righe permettono il traffico attraverso la porta 1234 (una porta a caso). Se uno dei programmi che utilizzate passa per la porta 1234, questa è la stringa che dovete inserire. Se un altro programma utilizza un’altra porta non dovete far altro che inserire altre righe, facendo attenzione a sostituire 1234 con il numero della porta che vi serve. Una lista abbastanza completa delle porte utilizzate la trovate qui. Qualche esempio che mi è stato richiesto:

  • per MSN: 1863 (tcp);
  • per eMule: 4662 (tcp), 4672 (udp);
  • per SAMBA: 137 (udp), 138 (udp), 139 (tcp), 445 (tcp);
  • per ChatZilla (forse più in generale per IRC): 113, 6667 (entrambi tcp);

Notiamo che dobbiamo sostituire tcp e udp a seconda di quello che ci serve. Inseriamo quindi:

echo “ok”
;;

Serve semplicemente a dire che il caricamento del firewall è andato a buon fine (attenzione ai due punto e virgola, perché servono a dire allo script di fermarsi in quel punto – in altre parole, quando vedete ‘start’, molte righe più in alto, inizia un comando che termina ai due punto e virgola, e senza di essi lo script va avanti e rischia di sbagliare qualcosa). Continuiamo:

stop)

echo -n “Sto disattivando il firewall: ”

$IPTABLES -X -t mangle

$IPTABLES -P INPUT   ACCEPT
$IPTABLES -P FORWARD ACCEPT
$IPTABLES -P OUTPUT  ACCEPT

$IPTABLES -F
$IPTABLES -F -t nat
$IPTABLES -F -t mangle
$IPTABLES -X
$IPTABLES -X -t nat
echo “ok”
;;

Serve a disabilitare il firewall e abilitare tutto il traffico da qualunque parte.

status)
echo -n “Al momento sono in uso le seguenti regole: ”
$IPTABLES -L
;;

Mostra quali regole del firewall sono abilitate.

restart|reload)
$0 stop
$0 start
;;

Fa ripartire il firewall: utile quando mutiamo le impostazioni del firewall e vogliamo che siano attive.

*)
echo “Per usare questo script, devi specificare un attributo: firewall {start|stop|restart|reload|status}” >&2
exit 1
;;

esac

exit 0

Serve a ricordarci che dobbiamo dare un attributo e chiude. Che vuol dire? Lo vedremo fra poco.

Salviamo il nostro file con il nome “firewall” nella cartella /etc/init.d/ , in modo che venga caricato all’avvio. Altrimenti possiamo lasciarlo da qualche altra parte e caricarlo manualmente dal terminale, nel seguente modo. Gli esempi seguenti assumeranno che il file sia in /etc/init.d/ .

Per attivare il firewall:

sudo /etc/init.d/firewall start

Per disattivare il firewall:

sudo /etc/init.d/firewall stop

Per disattivare e riattivare il firewall (utile se modifichiamo il firewall).

sudo /etc/init.d/firewall restart

Per vedere quali regole sono attive:

sudo /etc/init.d/firewall status

start, stop, restart (o reload, che è lo stesso) e status sono gli attributi di cui parlavo prima.

Potete provare il firewall e vedere se va tutto ok. Se qualcosa non dovesse funzionare, potete disattivarlo. Nel praticamente impossibile evento in cui il pc non dovesse avviarsi (chissà cosa ci avete messo in quello script!), non dovrete far altro che rimuovere il file: per farlo potete usare il comando

sudo rm /etc/init.d/firewall

oppure, se volete utilizzare l’interfaccia grafica, usando un cd live. Poi, magari, gentilmente, mi mandate il file del vostro firewall per vedere che cosa ci avete infilato dentro: adoro la mitologia.

Bene, se siete arrivati fin qui ho un regalo per voi: un file di testo pronto per l’uso. Non dovete fare altro che modificarlo secondo le vostre esigenze (e soprattutto secondo le istruzioni) e infilarlo nella cartella suddetta. Sembra niente, ma è un firewall molto potente. Ovviamente sono a disposizione per eventuali problemi (mi sento responsabile).

(A chi si stesse chiedendo: perché non hai inserito direttamente il file di esempio invece di spiegare tutto? Perché in questo modo sapete cosa state facendo quando modificate il vostro scriptino)

In passato avevo segnalato alcuni problemi relativi alla scheda ONDA N501HS, che il nostro amato sistema operativo non vedeva. Questo era dovuto a un problema del modulo ehci_hcd, responsabile della gestione della USB 2. Quindi, o si faceva a meno dell’USB 2 o si faceva a meno di internet.

Ebbene ho scoperto che questo problema è stato risolto nella versione 2.6.27 del kernel Linux. Se infatti inseriamo la scheda e diamo nel terminale il comando:

lsusb

Noteremo una riga che ci dice:

Bus 008 Device 002: ID 05c6:6613 Qualcomm, Inc.

Insomma, la vede correttamente. Ma non basta a farla funzionare. Bisogna dare un comando per caricare un altro modulo, ovvero:

sudo modprobe usbserial vendor=0x05c6 product=0x6613 maxSize=8192

(Avrete notato che 05c6 e 6613 sono le cifre che vediamo nell’output del comando lsusb, quindi se sono diverse sostituite nel secondo comando quelle corrette). L’ultimo parametro riguarda il buffer: in questo modo si dovrebbe togliere quella fastidiosa limitazione che ferma la velocità della scheda a 64 Kbps (io sono arrivato oltre i 300 senza alcun problema, a differenza di qualche tempo fa).

Adesso se settiamo PPP come ho mostrato nell’articolo precedente, siamo finalmente in grado di connetterci.

Al momento non so ancora come rendere definitiva la modifica, ma il fatto che funzioni già mi soddisfa ampiamente. Non potete immaginare negli ultimi mesi come ho vissuto con un pc che impiegava 15 minuti per avviarsi. 😐

Esiste un’alternativa ad utilizzare il costosissimo Adobe Acrobat (la versione Standard costa 418,80 euro, la Pro 670,80, stando ai dati disponibili sul sito ufficiale) per modificare o unire file PDF? Sì, ed è anche gratis! (oltre ad essere, ovviamente, software libero).

Si chiama PDFedit e svolge le stesse funzioni di CutePDF, spendendo “solamente” 50 dollari in meno. 😀

Il programmino, come avete già intuito, permette d’inserire pagine di altri documenti PDF in un file già esistente e di fare molte altre cose: aggiungere, rimuovere o spostare il testo, evidenziarlo, modificare font e colore o addirittura estrarlo completamente dal foglio. È inoltre possibile ruotare le pagine (di 90° in senso orario o antiorario), disegnare linee o rettangoli e salvare porzioni di file o l’intero documento come immagine in vari formati (tra cui png, jpeg e bitmap).

Purtroppo il software è alla versione 0.4.1 e non disponibile in italiano (al momento in cui scrivo le traduzioni sono presenti, oltre per l’inglese, per il tedesco, lo spagnolo e il russo). La grafica, sebbene usi le Qt, si presenta confusionaria e poco attraente, ma basta comprendere il significato delle icone (personalizzabili con un set proprio, ad esempio quelle Tango) e dei menù per utilizzarlo agevolmente.

È disponibile il pacchetto sia per Debian che per Ubuntu.

Oltre al doppio clic, al terminale o al menu principale, esistono altri metodi per avviare dei programmi. Uno di questo è il mouse gestures, e come dice la locuzione stessa, si basa sui movimenti del mouse.

Per le distribuzioni basate su Debian (quindi anche Ubuntu e Kubuntu) esiste Easystroke, un programma di facile utilizzo. Installarlo è facile: basta scaricare il pacchetto .deb, aprirlo e e fare clic su Installa.

Quindi lo avviamo. Su Kubuntu si trova nel menu K → Accessori → Easystroke.

Adesso dobbiamo istruirlo. La finestra che ci troviamo davanti contiene quattro campi (Stroke, Name, Type, Argument), mentre sotto ci sono dei pulsanti. Quello che ci interessa è Add Action: clicchiamoci su, dopodiché ci spostiamo nella riga che si è creata, nella colonna Name. Facciamo doppio clic e inseriamo il nome del programma che vogliamo aggiungere, ad esempio Firefox.

Spostiamoci quindi nel campo Argument, dove inseriremo il comando che avvia il programma. Nel caso di Firefox, il comando è semplicemente firefox, ma per altri programmi potrebbe essere più complicato. Alla fine dell’articolo spiegherò come trovare il comando che ci interessa, per ora continuiamo.

Adesso creiamo il nostro Stroke: clicchiamo sul pulsante in basso Record stroke.

Tenendo premuto il tasto centrale del mouse (oppure tenendo premuti contemporaneamente i tasti destro e sinistro) disegniamo il nostro gesto, che per Firefox potrebbe essere una F.

Fate attenzione a fare un movimento fluido, senza interruzioni: non importa se è un po’ impreciso, il sistema è molto bravo a riconoscere il movimento.

Se tutto è andato a buon fine, troveremo il nostro gesto nella colonna Stroke. Adesso possiamo usarlo.

Tenendo premuto il solito tasto centrale del mouse (oppure tenendo premuti contemporaneamente i tasti destro e sinistro), rifacciamo la F che riconosce Firefox, ed ecco che il nostro browser si apre senza cliccare nulla.

Ecco uno screenshot del programma.

Fantastico, no? Al massimo, è inutile. Potete sbizzarrirvi e creare stroke come più vi piace. 😀

P.S.: per trovare l’Argument di un programma è sufficiente andare alla voce corrispondente nel menu K. Ad esempio, per Firefox:

  1. Andare su menu K → Internet
  2. Fare clic su Firefox con il tasto destro e cliccare su Modifica elemento
  3. Nella colonna di destra c’è il campo Comando. Il suo contenuto è quello che ci interessa (e, ovviamente, il suo contenuto è firefox – ignorate pure il resto)